Martedì 17 Ottobre 2017

Il sito degli Alberi Monumentali del Veneto

Monumentali sono quegli alberi di alto pregio naturalistico e storico e di interesse paesaggistico e culturale che “isolati o facenti parte di formazioni boschive naturali o artificiali, per età o dimensioni, possono essere considerati come rari esempi di maestosità o longevità” o che “hanno un preciso riferimento a eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico o culturale o a tradizioni locali”.

Questa è la definizione contenuta nella Legge della Regione Veneto n. 20 del 09 agosto 2002 “Tutela e valorizzazione degli alberi monumentali ”.

Il progetto ha lo scopo di tutelare gli alberi di particolare pregio, presenti nel territorio regionale, al fine di garantire la tutela e la valorizzazione del patrimonio ambientale e del paesaggio nonché la salvaguardia del patrimonio genetico e della biodiversità.

Schede alberi

Ricerca per provincia

Magnolia grandiflora

Magnolia grandiflora

La Magnolia grandiflora è uno degli alberi più frequenti nei giardini e nei parchi della nostra Regione. Il suo utilizzo è per il solo scopo ornamentale e originariamente è stata importata dal Nord America, dove ancora cresce spontanea nei boschi che si affacciano sulla costa atlantica. La crescita è piuttosto lenta ma può comunque raggiungere i 25 m anche nei nostri parchi (Ticli, Frigerio 1992).
Una particolarità di queste piante è che le gemme per differenziarsi a fiore hanno bisogno di un periodo di freddo, per questo motivo, la prima magnolia introdotta in Europa nel 1711, da oltre oceano, non fiorì che nel 1732 quando la tolsero dalla serra in cui era stata piantata (Gellini 1997).
L’imponente e profumatissima fioritura avviene praticamente in modo continuo da Maggio a Settembre e nel tempo sono state selezionate delle varietà che producono fiori anche di 30 35 cm di diametro (varietà Goliath e S. sommer).
La magnolia è una pianta piuttosto esigente in termini di terreno che deve essere profondo e fresco e mai calcareo, i primi anni di crescita deve essere annaffiata spesso durante l’estate.
È un albero molto longevo, e anche per questo se ne trovano di centenarie nei parchi delle ville.
La loro funzione estetica si associava a quella dei grandi Cedri, erano piantate ai lati della facciata delle Ville in modo da incorniciarne la visuale (Zanetti, Semenzato, Marcolin 2002).